Noi e Gianna

A SPASSO PER PISTOIA CON UN’AMICA… FUORI DALLE RIGHE
Corso di 4 lezioni coordinato e condotto dalla Dott.ssa Alessandra Chirimischi

Una ricorrenza va celebrata, tanto più quanto maggiore è il suo significato: nell’autunno 1971 Gianna Manzini ricevette il Premio Campiello per “Ritratto in piedi”, un romanzo in cui celebrando il ricordo del padre celebra anche la sua Pistoia.
A 50 anni da quel riconoscimento, consideriamo doveroso ricordare la nostra concittadina provando a narrare Pistoia dopo averla ri-visitata con i suoi occhi. Ciascuno prenderà spunto dal proprio vissuto, dai ricordi da attingere fra le vie della propria città diventa anche un modo per ri-trovarsi.
“Ritratto in piedi” rappresenta l’epilogo di una carriera brillantissima in cui Pistoia è spesso presente con pagine suggestive che offrono una prospettiva interessante per conoscere la città in modo insolito, offrendo occasioni narrative nuove e fortemente personali. Gli incontri avranno come temi e ambientazioni alcuni degli scenari argomentati dalla nostra concittadina:
– aria&monti pistoiesi
– orti pistoiesi e piazzette limitrofe
– scene intorno alla cupola (via Curtatone e via del Vento)
Ispirati dagli scritti di Gianna, riscopriremo alcuni scorci pistoiesi noti, che suscitano ricordi personali da valorizzare.

Ore 16,45Programma
Ven. 19 Mar.LETTURA DI ALCUNI BRANI TRATTI DA PIÙ TESTI DI GIANNA MANZINI, SU TEMI E
AMBIENTAZIONI SULLE QUALI POI SVILUPPEREMO IL DIALOGO.
Seguono max 15 minuti di scrittura individuale, suddividendo i temi fra i tre
argomenti.
Ven. 26 Mar.APPUNTAMENTO NELLA PIAZZA DI MONTEOLIVETO: partendo da qui, si leggeranno
gli elaborati prodotti muovendosi a brevi tappe (giardino di Monteoliveto, via Vitoni,
via Curtatone all’angolo con via degli Orafi).
Ven. 09 Apr.RIFLESSIONI SU QUANTO FATTO FINORA: una mezz’ora max di commenti guidati e
rielaborazione dei propri scritti con analisi sulle modalità espressive preferibili per
la stesura del proprio testo (confronto individuale).
Ven. 16 Apr.SI RACCOLGONO TUTTI GLI ELABORATI, che saranno letti in modo anonimo (così che
nessuno debba sentirsi sotto esame) e successiva valutazione personale sulla propria
città “prima” e “dopo” queste giornate manziniane.