Mitologia

Corso di 4 lezioni coordinato e condotto da Patrizia Pierucci

I miti non cessano di raccontarci storie, a volte contraddittorie, a volte ambigue, ma sempre in grado di stupire e affascinare. Per i moderni, ci dice Giulio Guidorizzi «non esiste azione umana di cui il mito greco non parli attraverso i suoi personaggi», perché «il mondo simbolico che viene dai miti è uno specchio dell’esperienza psichica e ne rivela i meccanismi: la gelosia di Medea, l’odio di Clitemnestra, i rimorsi di Oreste». Del mito, nei tempi moderni, si è impadronita la psicanalisi: dice James Hillman che «qualsiasi cosa vera ha sempre una componente mitica».
Nell’antica Grecia invece i miti non riguardavano i meandri della mente, ma la realtà della vita. Continua Guidorizzi: si tratta di «racconti veri, anche se in una dimensione diversa da quella dell’esperienza quotidiana: storie che emergevano da tempi lontanissimi e parlavano con voce collettiva». Comunque li si voglia considerare, i miti rappresentano un viaggio nel mondo della fantasia e dell’invenzione, ma sono anche un modo per accostarci alla vita reale di quell’antico popolo che ha fatto dire a Hegel: «lo Spirito europeo ha vissuto in Grecia la sua gioventù». In relazione ai racconti mitologici, il filo conduttore che legherà i temi trattati è la fine della guerra di Troia e i destino di due personaggi, Odisseo ed Enea, un vincitore ed un vinto, accomunati però da un destino comune di difficoltà e traversie nel loro ritorno o nella ricerca di una nuova patria. Per entrambi vi saranno poi incontri con personaggi femminili entrati anch’essi nella leggenda, personaggi cioè che hanno costituito per secoli un tema frequente in opere letterarie e pittoriche, e infine in rappresentazioni televisive e cinematografiche.
16:45Programma
Lun. 15 Nov.ODISSEO, ovvero “il ritorno del guerriero” e le sue imprese dettate dalla leggendaria
astuzia che può però anche trasformarsi in ferocia (un personaggio cioè in cui sono
presenti luci e ombre).
Lun. 22 Nov.CIRCE, maga misteriosa domata da Odisseo, in cui si evidenzia come l’ospitalità sia
“bifronte”, secondo la definizione di G. A. Privitera.
Lun. 29 Nov.ENEA, i suoi viaggi ed il suo duplice volto: da “pius Aeneas” a “proditor Asiae”, poiché
non sempre l’eroe troiano è stato visto come “cavaliere senza macchia e senza paura”.
Lun. 06 Dic.DIDONE, l’amante tradita, divenuta simbolo di tutte le donne abbandonate.